EMILIA ROMAGNA – FONDO ENERGIA – 2017

ENTE EROGATORE: 

  • Regione Emilia-Romagna

SOGGETTI BENEFICIARI:

  • PMI e grandi imprese con:
  • sede operativa interessata dal progetto in Emilia-Romagna.
  • Attività principale rientrante in una delle seguenti sezioni ATECO: B,C,D,E,F,G,H,I,J,L,M,N,P,Q,R,S

PROGETTI AMMISSIBILI:

  • Il fondo finanzia interventi per la promozione dell’efficienza energetica e dell’uso di energia rinnovabile delle imprese.   A titolo esemplificativo, potranno essere finanziati:

1) interventi volti all’efficienza energetica    ed alla riduzione delle emissioni di gas climalteranti nell’unità produttiva oggetto dell’intervento, quali:

a) interventi su edifici (rivestimenti, infissi isolanti, coibentazioni, pavimentazioni, ecc);

b) interventi sui processi produttivi (installazione di impianti ad alta efficienza energetica, sostituzione di motori elettrici, inverter, rifasamento, gruppi di continuità, utilizzo di energia recuperata dai cicli produttivi, ecc.);

c) sistemi di gestione e monitoraggio dei consumi energetici;

2) interventi volti alla produzione di energia da fonti rinnovabili, privilegiando quelle in autoconsumo, nonché gli impianti di cogenerazione ad alto rendimento ai sensi della Direttiva 2012/27/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio.

SPESE AMMISSIBILI:

  • Sono considerate ammissibili le seguenti tipologie di spese:

a) interventi su immobili strumentali: ampliamento e/o ristrutturazione, opere edili funzionali al progetto;

b) acquisto e installazione, adeguamento di macchinari, impianti, attrezzature, hardware;

c) acquisizione di software e licenze;

d) consulenze tecnico‐specialistiche funzionali al progetto di investimento;

e) spese per redazione di diagnosi energetica e/o progettazione utili ai fini della preparazione dell’intervento in domanda.

  • In fase di presentazione della domanda l’impresa dovrà dettagliare il piano dei costi previsto, allegando obbligatoriamente    la diagnosi    energetica e/o il progetto, quest’ultimo qualora la procedura della diagnosi risulti non applicabile.

TIPO DI CONTRIBUZIONE:

  • Finanziamento agevolato
  • Contributo a fondo perduto (solo su spese tecniche)

% DI CONTRIBUZIONE:

  • Finanziamento a copertura del 100% del progettoL’onere effettivo degli interessi a carico dell’impresa beneficiaria è pari alla media ponderata fra i due seguenti tassi:- tasso di interesse pari a 0% per la parte di finanziamento avente provvista pubblica (70%);- tasso di interesse pari all’Euribor 3 mesi mmp 365 + spread massimo del 4,75 % per la parte di finanziamento con provvista bancaria (30%).
  • costo minimo progetto: € 25.000,00
  • costo massimo progetto: € 500.000,00
  • Fondo perduto a copertura delle spese tecniche (concedibile nel limite massimo dell’8,75% del finanziamento complessivo ammesso)Se si richiede il fondo perduto per le spese tecniche, tali spese non potranno essere coperte da finanziamento

PIANO DI AMMORTAMENTO:

  • Finanziamento agevolato è concesso nella forma tecnica di mutuo con rientri trimestrali a scadenze fisse, con durata minima di 36 mesi e massima di 96 mesi, compreso eventuale pre‐ammortamento per un massimo di 12 mesi

REGIME DI CONTRIBUZIONE

  • Per il finanziamento:

dal regolamento UE 1407/2013 “de minimis”, oppure dal Regolamento UE 651/2014.

  • Per il contributo alla spesa:

dal Regolamento UE 1407/2013: in tal caso la copertura della spesa potrà essere fino al 100%, oppure dal Regolamento UE 651/2014 in riferimento ai servizi di consulenza: in tal caso la copertura della spesa potrà essere fino al 50%.

VINCOLI:

  • Gli interventi dovranno essere realizzati e rendicontati entro 12   mesi dalla concessione del finanziamento, e comunque entro la data comunicata dal Gestore nel provvedimento di concessione;
  • Il pagamento dei titoli di spesa pari al 50% del progetto approvato, dovrà comunque essere effettuato entro e non oltre i 60 giorni successivi alla data di erogazione del finanziamento agevolato.
  • Non sono ammissibili le spese effettuate e/o fatturate dal legale rappresentante, e da qualunque altro soggetto facente parte degli organi societari (sono escluse le spese del personale/prestazioni lavorative) e le spese effettuate e/o fatturate alle imprese richiedenti da società con rapporti di controllo o collegamento;

RETROATTIVITA’:  

  • I giustificativi di spesa dovranno avere data successiva a quella di presentazione della domanda, ad eccezione di quelli relativi alla predisposizione della documentazione tecnica (voce “e” in elenco), che potranno avere data successiva al 01/06/2014.

SCADENZA:

  • La domanda di partecipazione potrà essere presentata dal 15/11/2017 al 31/01/2018.
  • L’azienda può presentare più progetti nel periodo di operatività del Fondo. Entro il 31/12/2018 il medesimo soggetto può comunque presentare non più di 2 progetti, ed in ogni caso l’accoglimento del secondo progetto è subordinato alla realizzazione del primo, completo della rendicontazione finale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *