MODIFICHE AL CREDITO D’IMPOSTA PER RICERCA E SVILUPPO DEL DISEGNO DI LEGGE DI BILANCIO 2017

ENTE EROGATORE

  • Ministero dell’Economia e delle Finanze 

TIPO DI CONTRIBUZIONE

  • Credito d’imposta

SOGGETTI BENEFICIARI

  • Tutte le imprese a tutte le imprese, indipendentemente dalla forma giuridica, dalle dimensioni aziendali, dal settore economico in cui operano, che svolgono attività di ricerca e sviluppo.

 BENEFICIO

  • Aumento dell’agevolazione dal 25%/50% prevista per le spese incrementali sostenute rispetto alla media degli investimenti effettuati nei tre periodi di imposta precedente, al 50% per tutti i tipi di spesa in R&S previste al comma 6 dell’art. 3 del decreto legge 23 dicembre 2013
  • Aumento a 20 milioni di euro del credito di imposta per beneficiario
  • Eliminazione della differenza tra personale qualificato e non qualificato

TERMINE

  • Il beneficio è esteso al periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2020.

INVESTIMENTI AMMISSIBILI

  • attività di ricerca e sviluppo definite all’art. 3, comma 3 del decreto legge n. 145/2013:
    • lavori sperimentali o teorici rivolti all’acquisizione di nuove conoscenze sui fondamenti di fenomeni e di fatti osservabili, senza che siano previste applicazioni o utilizzazioni pratiche dirette
    • lavori di ricerca industriale, come attività di ricerca pianificata o indagini critiche volte ad acquisire nuove conoscenze, da utilizzare per mettere a punto nuovi prodotti o migliorare i prodotti e processi esistenti
    • acquisizione, combinazione, strutturazione e utilizzo delle conoscenze e capacità esistenti di natura scientifica, tecnologica e commerciale allo scopo di produrre piani, progetti o disegni per prodotti, processi o servizi nuovi, modificati o migliorati

SPESE AMMISSIBILI

  • Personale (senza distinzione tra personale qualificato e non qualificato)
  • Spese per strumenti e attrezzature di laboratorio
  • contratti di ricerca extra-muros (commissionata ad università, enti di ricerca, start-up innovative)
  • Spese per competenze tecniche e privative industriali (comprese spese per consulenza propedeutica alla brevettabilità)
  • Spese per attività di certificazione contabile (nel limite di 5.000)

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *