BANDO ISI INAIL 2016

ENTE EROGATORE: 

  • INAIL

SOGGETTI BENEFICIARI:

  • Imprese che effettuano progetti per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro. Sono escluse le micro e piccole imprese (anche individuali) operanti nel settore della produzione agricola primaria di prodotti agricoli

SPESE AMMISSIBILI:

Sono ammessi a contributo progetti ricadenti in una delle seguenti tipologie:

  1. Progetti di investimento (es. sostituzione macchinari, ammodernamento fabbricato, ecc.)
  2. Progetti di responsabilità sociale e per l’adozione di modelli organizzativi.
  3. Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto
  4. Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività (ATECO: 56.10.11, 56.10.12, 56.10.20, 56.10.30, 56.10.41, 56.10.42, 56.10.50, 56.21.00, 56.29.10, 56.29.20, 56.30.00, 47.11.40, 47.29.90)

Per quanto riguarda i progetti di investimento, sono ammissibili tutti quei progetti che comportano un abbattimento dei seguenti rischi:

  • Agenti chimici cancerogeni o biologici
  • Attività lavorative in spazi confinati
  • Rischio rumore
  • Rischio caduta
  • Rischio derivante da vibrazioni meccaniche
  • Eliminazione o riduzione della movimentazione manuale dei carichi
  • Rischio elettrocuzione
  • Rischio ferita o taglio

Sono ammesse a contributo le spese direttamente necessarie alla realizzazione del progetto, le eventuali spese accessorie o strumentali funzionali alla realizzazione dello stesso.

TIPO DI CONTRIBUZIONE:

  • Contributo a fondo perduto

% DI CONTRIBUZIONE:

  • 65% a fondo perduto
  • Contributo massimo: 130.000 euro
  • Solo per i progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività:
    • Contributo minimo: 2.000 euro
    • Contributo massimo: 50.000 euro

Per progetti il cui contributo sia di pari o superiore a 30.000 euro si potrà richiedere un anticipo del 50% a fronte di fidejussione bancaria o assicurativa.

SCADENZA:

  • Le domande potranno essere caricate a sistema dal 19 aprile al 5 giugno 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *