EMILIA ROMAGNA – BANDO PER IL SOSTEGNO DEGLI INVESTIMENTI PRODUTTIVI

ENTE EROGATORE: 

  • Regione Emilia-Romagna

SOGGETTI BENEFICIARI:

  • PMI sotto la forma di imprese individuali, società (di persone, di capitali, cooperative), i loro consorzi e/o le società consortili con codice ATECO rientrante in quelli individuati dalla Strategia di specializzazione Intelligente della Regione Emilia Romagna (S3)

PROGETTI AMMISSIBILI:

  • I progetti finanziati ai sensi del presente bando devono prevedere investimenti produttivi espansivi ad alto contenuto tecnologico che, attraverso un complessivo ammodernamento degli impianti, dei macchinari e delle attrezzature, siano idonei a favorire l’innovazione di processo, di prodotto o di servizio e abbiano ricadute positive su uno o più dei seguenti aspetti:
    • miglioramento dei tempi di risposta e di soddisfacimento delle esigenze dei clienti;
    • introduzione di tecnologie abilitanti nei processi produttivi;
    • riduzione degli impatti ambientali dei processi produttivi
    • miglioramento della sicurezza delle imprese e dei luoghi di lavoro.
  • Gli interventi agevolabili ai sensi del presente bando devono essere effettuati in una o più sedi operative o unità locali localizzate nel territorio della Regione Emilia-Romagna.
  • Non sono ammissibili interventi che abbiano ad oggetto la realizzazione di impianti per la produzione di energia, anche da fonte rinnovabile.

SPESE AMMISSIBILI:

a) acquisto di impianti, macchinari, beni strumentali e attrezzature – nuovi di fabbrica – funzionali alla realizzazione del progetto;

b) acquisto di beni intangibili quali brevetti, marchi, licenze e know how da intendersi come l’insieme di conoscenze, connotate dal requisito della segretezza e dell’originalità, atte ad ottimizzare i processi produttivi industriali ma inidonee ad essere brevettate in quanto non produttive né consistenti in risultati industriali specificatamente individuabili;

c) acquisto di hardware, software, licenze per l’utilizzo di software, servizi di cloud computing;

d) spese per opere murarie ed edilizie strettamente connesse alla installazione e posa in opera dei macchinari, beni strumentali, attrezzature e impianti (massimo del 5% della somma delle spese indicate alle lettere a, b, c);

e) acquisizioni di servizi di consulenza specializzata finalizzati (massimo 15% della somma delle spese indicate alle lettere a, b, c, d) :

  • alla realizzazione del progetto
  • alla presentazione e gestione della domanda di contributo

TIPO DI CONTRIBUZIONE:

  • Fondo perduto

% DI CONTRIBUZIONE:

  • Di seguito un riepilogo delle percentuali di contribuzione previste:

  • costo minimo progetto:    €   40.000,00
  • costo massimo progetto: € 500.000,00
  • Si segnala che l’investimento deve essere coperto per la restante parte da un finanziamento bancario assistito da una garanzia diretta fino all’80% dello stesso prestata da un confidi selezionato tramite una procedura aperta e trasparente che sarà svolta da Cassa Depositi e Prestiti spa. La garanzia diretta del confidi selezionato sia a sua volta assistita da una controgaranzia prestata, tramite il fondo EuReCa, da Cassa Depositi e Prestiti spa in misura pari all’80% della stessa, di cui il 70% prestata con risorse regionali e il restante 30% prestata con risorse proprie della Cassa medesima;

VINCOLI:

  • I progetti devono essere realizzati e conclusi:
    • entro 10 mesi decorrenti dalla data del provvedimento di concessione del contributo, qualora la domanda sia stata presentata nell’ambito della 1° finestra
    • entro 10 mesi decorrenti dalla data del provvedimento di concessione del contributo e non oltre la data del 31/12/2019, qualora la domanda sia stata presentata nell’ambito della 2° finestra
  • L’importo delle spese ammesse al termine delle verifiche in fase di rendicontazione dovrà essere almeno pari al 50% del progetto ammesso in fase di concessione e rispettare le dimensioni minime dell’investimento

REGIME DI CONTRIBUZIONE

  • De minimis

RETROATTIVITA’:  

  • Non prevista. I progetti ammessi a finanziamento dovranno essere avviati a seguito della presentazione della domanda di contributo, se tale domanda è stata presentata nell’ambito della 1° finestra, oppure avviati a partire dal 1/01/2019, se la domanda è stata presentata nell’ambito della 2° finestra;

SCADENZA:

  • La domanda di partecipazione potrà essere presentata:
    • 1° finestra: dal 05/06/2018 al 26/06/2018 (bando valutativo a sportello)
    • 2° finestra: dal 04/09/2018 al 28/02/2019 (bando valutativo a sportello)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *