AGEVOLAZIONE PER LA PARTECIPAZIONE A FIERE INTERNAZIONALI

SIMEST, grazie alle risorse del PNRR – NEXT GENERATION EU, ha attivato nuove agevolazioni per supportare le PMI sia nei processi di internazionalizzazione che nella transizione digitale ed ecologica.

Vengono confermate, con alcune modifiche, le consolidate agevolazioni per la partecipazione a eventi fieristici e lo sviluppo del commercio elettronico.

La misura a supporto della partecipazione a Fiere Internazionali si pone il duplice obiettivo di:

  • Sostenere la partecipazione, anche in Italia, a una Fiera, Mostra, Missione imprenditoriale o missione di sistema, per la promozione di beni e/o servizi prodotti in Italia o a marchio italiano.
  • Stimolare la digitalizzazione delle imprese, stabilendo che almeno il 30% delle spese ammissibili debba essere destinato a investimenti digitali connessi al progetto.

Sono considerate ammissibili  le seguenti spese:

Spese digitali connesse alla partecipazione alla fiera/mostra che dovranno rappresentare almeno il 30% delle Spese Ammissibili:

Spese digitali connesse alla partecipazione alla fiera/mostra:

  1. fee di iscrizione alla manifestazione virtuale, compresi i costi per l’elaborazione del contenuto virtuale (es. stand virtuali, presentazione dell’azienda, cataloghi virtuali, eventi live streaming, webinar)
  2. spese per integrazione e sviluppo digitale di piattaforme CRM;
  3. spese di web design (es. landing page, pagina dedicate all’evento) e integrazione/innovazione di contenuti/funzionalità digitali anche su piattaforme già esistenti;
  4. spese consulenziali in ambito digitale (es. digital manager, social media manager, digital marketing manager);
  5. spese per digital marketing (es. banner video, banner sul sito ufficiale della fiera/mostra, newsletter, social network);
  6. servizi di traduzione ed interpretariato online;

 

Altre spese che dovranno rappresentare non più del 70% delle Spese Ammissibili:

Spese per area espositiva

  1. Affitto area espositiva, compresi eventuali costi di iscrizione, oneri e diritti fissi obbligatori; allestimento dell’area espositiva (es. pedana, muri perimetrali, soffitto, tetto o copertura, ripostiglio);
  2. arredamento dell’area espositiva (es. reception desk, tavoli, sedie, vetrine espositive, cubi espositivi, porta brochure);
  3. attrezzature, supporto audio/video (es monitor, tv screen, proiettori e supporti
    informatici, videocamere);
  4. servizio elettricità (es. allacciamento elettrico, illuminazione stand e prese elettriche per il funzionamento dei macchinari qualora presenti nello stand);
  5. utenze varie;
  6. servizio di pulizia dello stand;
  7. costi di assicurazione;
  8. compensi riconosciuti al personale incaricato dall’impresa (sia esterno che interno) per il periodo riferito all’esecuzione della fiera/mostra (compresi viaggi, soggiorni e trasferte per il raggiungimento del luogo della fiera/mostra) e/o direttamente collegati alla fiera/mostra stessa, come da idonea documentazione comprovante la spesa. Eventuali ulteriori compensi al
    personale incaricato dall’impresa (sia esterno che interno) sono riconosciuti
    nella misura massima del 10% dell’importo del finanziamento concesso;
  9. servizi di traduzione ed interpretariato offline.

Spese logistiche

  1. Trasporto a destinazione di materiale e prodotti esposti, compreso il trasporto di campionario;
  2. movimentazione dei macchinari/prodotti.

Spese promozionali

  1. Partecipazione/organizzazione di business meeting, workshop, B2B, B2C;
  2. spese di pubblicità, cartellonistica e grafica per i mezzi di stampa (es. pubblicità nel catalogo ufficiale, magazine e quotidiani informativi della fiera o della mostra, a supporto dell’iniziativa, stampa specializzata, omaggistica);
  3. realizzazione banner (es. poster e cartellonistica negli spazi esterni e limitrofi al centro fieristico).
  4. spese di certificazione dei prodotti

Spese per consulenze connesse alla partecipazione alla fiera/mostra

  1. Consulenze esterne (es. designer/architetti, innovazione prodotti, servizi fotografici/video).

 

L’agevolazione prevede un finanziamento agevolato in regime “de minimis” abbinato a un co-finanziamento a fondo perduto in regime di Temporary Framework.

  • Finanziamento agevolato:
    • Finanziamento di 6 anni di cui 2 di preammortamento
    • Tasso agevolato pari al 10% del tasso di riferimento UE per tutta la durata del finanziamento
  • Contributo a fondo perduto:
    • 25% dell’importo massimo dell’intervento (finanziamento agevolato + contributo a fondo perduto)
    • Percentuale rafforzata al 40% dell’importo massimo dell’intervento (finanziamento agevolato + contributo a fondo perduto) per le imprese che abbiano almeno una sede operativa – attiva da almeno 6 mesi alla data di presentazione della domanda – nelle seguenti regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia.

Contributo massimo: € 150.000 € nel limite del 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati.

I progetti non potranno essere avviati antecedentemente alla data di presentazione della domanda di agevolazione, le spese ammissibili potranno essere sostenute solo a decorrere dalla ricezione dell’esito della domanda con l’indicazione del codice CUP assegnato.

I progetti dovranno concludersi entro 12 mesi dalla stipula del contratto di finanziamento con SIMEST.

Vi ricordiamo, infine, che l’agevolazione seguirà una procedura valutativa “a sportello”, risulterà quindi fondamentale inviare la domanda nei primi istanti successivi all’attivazione del portale SIMEST, prevista per il 28 Ottobre alle ore 9.30.

Lo staff di RDS rimane a disposizione per gli approfondimenti necessari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *