BANDO ISI INAIL

L’INAIL ha recentemente pubblicato il bando ISI 2021 rivolto a imprese che effettuano progetti per il miglioramento, documentato, delle condizioni di salute e di sicurezza dei lavoratori rispetto alle condizioni preesistenti.

I progetti, per essere finanziabili, devono rientrare in uno dei seguenti assi:

 

  • ASSE 1.1 (PROGETTI DI INVESTIMENTO):

I progetti dell’asse 1.1 devono contribuire a uno dei seguenti obbiettivi

a) riduzione del rischio chimico

b) riduzione del rischio rumore mediante la realizzazione di interventi ambientali

c) riduzione del rischio rumore mediante la sostituzione di trattori agricoli o forestali e di macchine

d) riduzione del rischio derivante da vibrazioni meccaniche

e) riduzione del rischio biologico

f)riduzione del rischio di caduta dall’alto

g) riduzione del rischio infortunistico mediante la sostituzione di trattori agricoli o forestali e di macchine obsoleti

h) riduzione del rischio infortunistico mediante la sostituzione di macchine non obsolete

i) riduzione del rischio incendio

j) riduzione del rischio infortunistico mediante l’acquisto e l’installazione di dispositivi di protezione  per il rilevamento automatico delle persone

k) riduzione del rischio radon

l) riduzione del rischio sismico

m) riduzione del rischio da lavorazioni n spazi confinati e/o sospetti di inquinamento

 

  • ASSE 1.2 (PROGETTI PER L’ADOZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI RESPONSABILITA’ SOCIALE):

I Progetti dell’asse 1.2 devono contribuire all’introduzione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale

  • ASSE 2 (RIDUZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI):

I Progetti dell’asse 2 devono contribuire alla riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi (MMC)

  • ASSE 3 (BONIFICA MATERIALI CONTENENTI AMIANTO):

I Progetti dell’asse 3 devono contribuire alla bonifica di materiali contenenti amianto (MCA)

  • ASSE 4 (AZIENDE OPERANTI IN SPECIFICI SETTORI DI ATTIVITA’):

I Progetti dell’asse 4 sono rivolti al miglioramento delle condizioni del lavoro nelle micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività (i settori della raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti e del recupero e preparazione per il riciclaggio dei materiali (codice Ateco E38) e del risanamento e altri servizi di gestione dei rifiuti (codice Ateco E39)

  • ASSE 5 (MICRO E PICCOLE IMPRESE AGRICOLE):

I progetti dell’asse 5 sono rivolti a micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione primaria di prodotti agricoli

 

Saranno considerate ammissibili le spese direttamente necessarie alla realizzazione del progetto, le eventuali spese accessorie o strumentali funzionali alla realizzazione dello stesso.

Il contributo, a fondo perduto, viene erogato con percentuali e massimali differenziati rispetto alla tipologia di investimento:

  • ASSI 1.1, 1.2, 2, 3:
    • Contributo del 65%, fino ad un massimo di 130.000 € (contributo minimo 5.000 €)
  • ASSE 4:
    • Contributo del 65%, fino ad un massimo di 50.000 € (contributo minimo 2.000 €)
  • ASSE 5
    • Contributo del 40% per la generalità delle imprese agricole, fino ad un massimo di 60.000 € (contributo minimo 1.000 €)
    • Contributo del 50%, per i giovani agricoltori fino ad un massimo di 60.000 € (contributo minimo 1.000 €)

I termini per la presentazione delle domande verranno resi noti dall’INAIL entro il mese di marzo.

Lo staff di RDS rimane a disposizione per gli approfondimenti necessari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *