TURISMO E ATTIVITA’ RICETTIVE, CONTRIBUTI FINO AL 30% A FONDO PERDUTO

Il Ministero del Turismo renderà operativo in tempi brevi il Fondo Rotativo introdotto dall’articolo 3 del Decreto 152/2021.

La misura ha la finalità di migliorare la qualità dell’offerta ricettiva, attraverso i seguenti interventi:

  1. Riqualificazione energetica delle strutture
  2. Riqualificazione antisismica
  3. Eliminazione delle barriere architettoniche
  4. Realizzazione di piscine termali e acquisizione di attrezzature per lo svolgimento delle attività termali
  5. Interventi di digitalizzazione
  6. Acquisto/rinnovo arredi

Le spese, per essere considerate ammissibili, dovranno rientrare nelle seguenti voci:

  • Servizi di progettazione (nella misura massima del 2% dell’importo complessivo del progetto)
  • Suolo aziendale (nella misura massima del 5% dell’importo complessivo del progetto)
  • Fabbricati, opere murarie e assimilate (nella misura massima del 5% dell’importo complessivo del progetto)
  • Macchinari, impianti e attrezzature
  • Spese per la digitalizzazione (nella misura massima del 5% dell’importo complessivo del progetto)

L’agevolazione si compone di una quota a fondo perduto e di un finanziamento agevolato (tasso 0,5%).

La percentuale di contributo a fondo perduto sarà concessa in base alla dimensione e alla localizzazione dell’impresa:

  • Dal 15% al 30% a fondo perduto per le imprese di piccola dimensione
  • Dal 5% al 18% a fondo perduto per le imprese di piccola dimensione
  • Dal 0% al 10% a fondo perduto per le imprese di piccola dimensione

I progetti dovranno essere avviati a seguito dell’invio della domanda agevolativa e dovranno concludersi entro 30 mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento.

Lo staff di RDS rimane a disposizione per gli approfondimenti necessari.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *